N°7 | Autunno 2019


L’editoriale di Csaba dalla Zorza

 

Ho scoperto di avere una cosa in comune con Bill Gates. io, che del computer utilizzo praticamente solo i tasti per scrivere e che uso probabilmente solo un decimo delle potenzialità del pacchetto office. io, che non sono riuscita a fare in tempo a imparare a usare il videoregistratore, prima che
lo soppiantassero i DVD. io che ritengo che il forno elettrico sia la tecnologia massima alla quale può avere accesso la mia mente e non credo sarei in grado di innovare qualcosa neanche se mi costringessero, ho la stessa identica e paralizzante paura del grande ideatore di Microsoft, un uomo che pensa a schemi, che ha innovato prima che gli altri si rendessero conto che ci fosse la necessità di innovare. La nostra paura è quella di accorgerci, un giorno, che la mente ha rallentato il passo e non è più in grado di fare ciò che prima faceva senza sforzo. Paura di non poter più fare nulla per tenere la testa in allenamento, perché avrei dovuto, in qualche modo, pensarci prima. avete mai provato la stessa sensazione?

Quel giorno, se arriverà, desidero proiettarlo il più lontano possibile da me. Perché sarà qualcosa per la quale non potrò mai essere pronta. Nel frattempo, ho capito che allenare tutto il corpo è il modo migliore per allenare anche la mente. E sebbene sia arrivata a questa conclusione dopo che le candeline sulla mia torta di compleanno avevano già superato la soglia dei 40 pezzi, sono comunque grata alla vita di avermelo fatto capire in quel periodo che considero ancora la prima metà del cammino che vorrei fare.
Se muovi il corpo, svegli la mente. lo dice la scienza e lo conferma la medicina: le persone che fanno movimento in modo corretto e costante si ammalano di meno, vivono più a lungo, ma soprattutto vivono meglio. Nulla è più efficace dell’ossigenare il cervello in modo corretto per farlo funzionare bene. lo avrai provato: passare una giornata sul divano, talvolta, ci fa sentire più stanchi di quando invece stiamo in piedi tutto il giorno, facendo qualcosa che ci piace.

L’autunno è la stagione giusta per cominciare a svegliare la mente muovendo tutto il corpo. ottobre e novembre sono i mesi che ci portano gradualmente verso giornate più buie e più fredde. Muoversi per combattere l’ossidazione e per rinforzare il nostro sistema immunitario è la cosa più intelligente che possiamo fare per non ammalarci e per mantenere alte le difese immunitarie. Al mattino, svegliarsi per tempo è fondamentale.
il nostro corpo ha bisogno di riconnettersi con il ritmo diurno: fare qualche piccolo movimento nel letto ci aiuta a riportare il ritmo cardiaco al giusto livello e dà al cervello la spinta per attivarsi, mentre i livelli di energia si alzano. in secondo luogo, ci permette di affrontare la giornata con minore stress e, soprattutto, facendo una adeguata prima colazione (povera di zuccheri, ricca di proteine e di liquidi). Ma andare al lavoro a piedi
o pensare di fare movimento perché si usano le scale al posto dell’ascensore non è quello che farà la differenza nella nostra giornata. Per muoversi in modo corretto è necessario affidarsi a un protocollo di lavoro messo a punto da chi è esperto di attività fisica e salute, perché è l’unica cosa che può farci non solo sentire meglio, ma anche stare meglio. Con questo obiettivo chiaro in testa, fare attività fisica non sarà più solo una questione di forma fisica, linea o estetica. Diventerà un investimento per la salute della nostra testa. Per invecchiare bene. E sapere che abbiamo fatto la cosa giusta.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi