Come ti regalo i fiori? Un consiglio per uomini

Come ti regalo i fiori? Un consiglio per uomini

No ai tristi mazzetti di mimosa o ai soliti bouquet. I fiori per la festa della donna devono essere scelti con cura e originalità: rose, tulipani o una pianta, per esempio. Basta il pensiero, è vero, ma che sia un pensiero all’altezza di ogni donna. Ecco i consigli da uomini per non arrivare impreparati all’8 marzo…

Leggi i consigli…

Qualche giorno e ci siamo: l’otto marzo si celebra la festa della donna. Quest’anno abbiamo voluto regalare qualche consiglio agli uomini per non farli arrivare impreparati e cadere sulla solita scelta, smontando prima di tutto un cliché: festa della donna non significa solo, necessariamente e sempre mimosa.
Ogni anno gli uomini sperano di cavarsela così: un mazzetto di mimosa, avvolto in una triste carta argentata, senza nessun biglietto con due righe significative, o, ancora peggio, con uno di quei cartoncini d’auguri già pronti. Mai pensato ad un bouquet di fiori diverso dagli standard? 

L’originalità piace alle donne: rose & tulipani

Non cercate di cavarvela sempre e solo con un mazzolino giallo, anche se la donna ve ne sarà grata comunque (per educazione più che altro!). È il pensiero che conta, è vero, ma appunto per questo motivo è necessario pensarci un po’ e selezionare qualcosa di diverso: le alternative esistono!
Le rose per esempio sono un gran classico, ma in questa giornata ingombrata da mimose, potrebbero sembrare originali.
Optate per le rose gialle, quelle rosse fanno troppo ‘San Valentino’. La rosa gialla è simbolo di gelosia, e la donna, che è un’arguta osservatrice, noterà certamente che ci avete pensato: l’uomo geloso e possessivo, in fondo, piace. Il tulipano, per questa giornata, va ancora meglio. Questo fiore è simbolo del vero amore, secondo una leggenda molto famosa. Scegliete un bel mazzo di tulipani gialli e, magari, regalate alla vostra donna anche un bel vaso in cui metterli: occhi lucidi d’emozione garantiti!

Mimosa sì, ma da sola

Regola generale: no al mazzetto a misura standard che denota fretta e tirchieria. La mimosa va benissimo se presentata in un mazzo sufficientemente grande da poter essere messo in un bel vaso, e non in un bicchiere.
In un bel bouquet arrotondato, d’effetto, con un contorno di foglie ed elementi verdi: così dovrebbe essere presentata una mimosa degna del titolo di ‘fiore per la festa della donna’.
La mimosa non si presta ad abbinamenti con altri fiori e anche se, spesso, viene proposta in composizioni molto elaborate, con rose rosse o fiori bianchi, che rasentano spesso il cattivo gusto.

Mai pensato ad una pianta?

Non ci possiamo fare nulla: noi donne amiamo le piante e riempiremmo di vasi ogni angolo della casa. Portano luce e serenità e a volte fanno più compagnia di un marito sdraiato sul divano. Provate a regalare una bella pianta: è un dono più durevole del mazzo di fiori e ne saremo contente. Un’orchidea, per esempio, è un fiore elegante e molto apprezzato dalle donne. Ne esistono di diversi colori, ma quella bianca è perfetta per ogni stanza della casa, perfino per il bagno. Ha un significato sensuale e richiede molta cura. Vietato regalarla, però, per impegnare il tempo libero della propria compagna e avere, quindi, più tempo per  guardare la TV!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi