Serotonina: l’ormone del buonumore

Ti senti nervosa, irritabile, preoccupata anche senza motivo, spesso eccessivamente affamata? Forse i tuoi livelli di serotonina sono troppo bassi. Senza ricorre a farmaci, scopri come puoi regolare la presenza di questo neurotrasmettitore. Per sentirti da subito più in forma e di buon umore…

La serotonina è un neurotrasmettitore molto importante per il nostro benessere, tant’è che è anche comunemente conosciuto come “ormone del buonumore” coinvolto in numerose e importanti funzioni biologiche. Avere un livello di serotonina bassa può comportare disturbi dell’umore, problemi di natura sessuale, accentuare l’ansia e contribuire a stati depressivi. Con semplici accorgimenti e intervenendo sul proprio stile di vita, in primis alimentazione e esercizio fisico, si può regolare il livello di serotonina in maniera del tutto naturale e equilibrata.


Più serene, meno affamate

Agendo su diversi tipologie di sotto-recettori, la serotonina è in grado di svolgere un’azione tranquillizzante, contribuendo a mantenere il buon umore e addirittura inducendo prima il senso di sazietà. Ciò significa che più siamo rilassate e serene, prima smetteremo di mangiare. Le ultime ricerche hanno inoltre dimostrato che questo neurotrasmettitore, naturalmente sintetizzato dal nostro organismo a partire dall’amminoacido essenziale triptofano, riduce l’appetibilità dei cibi e conseguentemente il totale delle calorie assunte, e addirittura comporti una maggiore assunzione di proteine rispetto ai carboidrati. In linea di massima, sembra che la serotonina sia amica di un regime alimentare con basso apporto calorico.

Lo sport che mette di buon umore
La serotonina è fondamentale anche nella regolazione dei ritmi circadiani, ovvero quelli che presiedono all’alternanza di sonno e veglia, poiché è un precursore della melatonina. Per questo, cercare di condurre una vita sana, eliminando fumo e alcol e tenendo sotto controllo, per quanto possibile, lo stress, è un ottimo punto di partenza per alzare, in modo naturale, il proprio livello di serotonina. Molto importante l’esercizio fisico, in palestra o all’aria aperta: camminate, jogging, pedalate in bicicletta favoriscono lo sviluppo di serotonina che, a riprova di quanto sia fondamentale nel mantenimento di un equilibrio complessivo, agisce anche come “deceleratore” ovvero ci fa capire quando il nostro sforzo è eccessivo e dobbiamo rallentare.

Cioccolato, latte, verdure, frutti di bosco, patate.. i cibi per star bene
La dieta è di primaria importanza: la serotonina è naturalmente fornita da molti alimenti, alcuni dei quali spesso ci appaiono un pochino proibiti, primo fra tutti il cioccolato fondente. In questo cibo sono presenti sia serotonina, sia triptofano, utilizzato dal nostro organismo per produrla. Sì quindi ad un paio di quadratini di extra dark al giorno, o comunque di cioccolato che contenga cacao per almeno il 70%. Anche i frutti di bosco, le patate, le verdure e il latte sono molto ricchi di triptofano, così come i semi, la frutta secca, il pesce di mare e i cereali integrali. Ottima anche la zucca, la crusca e i formaggi freschi. Una curiosità: ad innalzare la serotonina non è solo cosa mangiamo, ma anche chi ci circonda. L’innamoramento provoca un vero e proprio picco di questa sostanza. Le persone che ci vogliono davvero bene fanno stare meglio corpo e cervello.